Ceramiche e Intarsio

Portalettere intarsiato in legno di ulivo, Sorrento, primi ‘900
Portalettere intarsiato in legno di ulivo, Sorrento, primi ‘900
Reliquiario in legno intagliato, in argento meccato, Napoli, 1650
Reliquiario in legno intagliato, in argento meccato, Napoli, 1650
Coppia di vasi in Maiolica, Napoli, fine ‘800.
Coppia di vasi in Maiolica, Napoli, fine ‘800.
Piatto in Maiolica, 1880. Cm 60 (diametro).
Piatto in Maiolica, 1880. Cm 60 (diametro).
Maiolica di Castelli
Maiolica di Castelli
Acquasantiera in maiolica
Acquasantiera in maiolica
Scrittoio da viaggio intarsiato
Scrittoio da viaggio intarsiato
Scatola intarsiata Sorrento
Scatola intarsiata Sorrento
Scatola intarsiata Sorrento
Scatola intarsiata Sorrento
Anfore in maiolica
Anfore in maiolica
Maiolica di Castelli
Maiolica di Castelli
Mensola intarsio Sorrentino
Mensola intarsio Sorrentino

Ceramiche e Intarsio

di Antichità Ioviero

 

Ceramiche e intarsio sorrentino. All’interno del nostro punto vendita potrai trovare un ampio assortimento di ceramiche antiche di qualsiasi provenienza, da Capodimonte a Vietri, dalle ceramiche Vesuviane a quelle Francesi.

Inoltre, ciò che più ci contraddistingue è la nostra ampia gamma di Intarsio antico di Sorrento. La Penisola sorrentina vanta una tradizione secolare nell’arte dell’intarsio su legno.

Grazie alla fama di cui godeva Sorrento, come luogo di villeggiatura, molti personaggi internazionali ebbero l’opportunità di apprezzare la maestria dei nostri abili ebanisti. Per esempio, non fù un caso che ingaggiati da Francesco I di Borbone per il restauro degli arredi di Palazzo Reale.

La tecnica si basa nell’assemblare insieme dei piccoli pezzi di legno, prima tagliati e sagomati a seconda del disegno che si vuole riprodurre. Inoltre, per ottenere le sfumature, venivano impiegate tutte le essenze di legno naturali quali: il noce, l’agrifoglio, il tuja e l’arancio.

Mentre l’ossatura del mobile era ulivo, noce o castagno. In questo modo si otteneva un gioco chiaro-scuro, dovuto alle varie tonalità dei legni e perfezionato infine da piccole incisioni, sempre eseguite a mano, colmate da stucco scuro.

È importante ricordare quelli che sono stati i massimi rappresentanti dell’intarsio sorrentino. Considerando che coloro hanno permesso di portare alto il nome di Sorrento nel Mondo, quali Luigi Gargiulo con i figli Almerico e Ferdinando, di Michele Grandville, di Giuseppe Gargiulo e di Francesco Grandi.

Chiama
Mappa